Rimodellamento Estetico Gengivale

Il sorriso è dato da due componenti essenziali: i denti e le gengive. Secondo i canoni di bellezza attuali, l’estetica del sorriso è data da una corretta proporzione tra questi due elementi. Una assenza di armonia tra denti e gengive può essere dunque alla base di inestetismi che si presentano con vari gradi di severità.

La condizione per cui un paziente mostra in maniera eccessiva le gengive nell’azione di sorridere viene chiamata generalmente “gummy smile”, o “sorriso gengivale”. Apparentemente, i casi di sorriso gengivale possono sembrare molto simili tra loro, ma l’eziologia della condizione è ampia e il trattamento varia a seconda delle cause che ne sono alla base. È necessaria pertanto un’accurata diagnosi da parte dell’odontoiatra per determinare quale tipo di trattamento è il più indicato per restituire una corretta proporzione dento-gengivale al paziente.

Anche la condizione contraria, ovvero di un sorriso con una componente prevalentemente dentale (“white smile”), può avere origine da un’ampia varietà di fattori. Uno dei motivi classici per cui un paziente chiede di essere trattato per il “white smile” è dato dalla recessione della gengiva, singola o multiple, che crea un’eccessiva esposizione dentale, dando luogo ad inestetismi e fastidi. Anche in questo caso, le soluzioni terapeutiche sono varie e differiscono in base alla diagnosi del singolo caso.

La gengiva può anche presentare degli eccessi di tessuto, che creano un’anomalia volumetrica che può risultare inestetica e fastidiosa. Un esempio sono le epulidi (iperplasia gengivale localizzata) o le ipertrofie gengivali farmacoindotte. In alcuni di questi casi, può rendersi necessaria la rimozione dell’eccesso di tessuto gengivale.