Trattamento dell’Epulide

Le epulidi sono lesioni proliferative benigne a localizzazione gengivale ed eziologia multifattoriale, in cui una componente fondamentale può essere costituita dall’irritazione dovuta a una igiene orale errata.

Quello di epulide è un termine clinico aspecifico che ha un significato topografico (sta ad indicare “sopra la gengiva”): generalmente, le epulidi si localizzano infatti sul margine gengivale, specialmente degli incisivi e dei canini. Le epulidi sono proliferazioni benigne circoscritte e asintomatiche di tessuto molle, con dimensioni che possono essere di pochi millimetri fino a qualche centimetro, di consistenza variabile e con un colore che può andare dal rosa al rosso-violaceo. Il sesso femminile risulta maggiormente colpito, soprattutto se in stato gravidico. Tra le componenti eziologiche dell’epulide si possono riscontrare difatti uno stato orale irritativo e variazioni ormonali, elementi tipici della gravidanza.

Il trattamento delle epulidi consiste nell’escissione chirurgica della lesione e nella rimozione dei fattori locali irritativi. A seconda dei casi, il dentista deciderà quali terapie complementari realizzare. La recidiva di questa lesione è un evento possibile, ma con un corretto programma di igiene orale e controllo è possibile prevenire la sua ricomparsa.